Come e dove fare impresa

Perché fare Impresa?

Fare Impresa è l’unica risposta alla domanda su come costruirsi un futuro.
Perché solo facendo impresa si generano posti di lavoro.
Fare Impresa è l’unico modo per far crescere il nostro sistema economico.

Quali sono le Motivazioni per Fare Impresa?

Creare un’Impresa risponde al bisogno di mettersi in gioco, di sentirsi autonomi e liberi di realizzare le proprie idee e di prendere delle decisioni, di realizzare un’attività con le proprie forze, di creare un proprio modello imprenditoriale, di seguire le proprie vocazioni con l’obiettivo di raggiungere una missione personale.

Trovare l’idea imprenditoriale

Ogni idea, o iniziativa imprenditoriale, necessità di talento, creatività e originalità.

Tutti i progetti di creazione d’Impresa prendono spunto da una nostra idea, o da un intuito, da una nostra esperienza, o da un concorso di circostanze.
Il primo passo da compiere è capire chi è l’imprenditore, chi siamo e quale idea elaborare.
Da un punto di vista normativo, l’articolo 2082 del codice civile stabilisce “E’ imprenditore chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni o di servizi”, dove per “attività economica” si intende un’attività che produce ricchezza, ovvero che produce un vantaggio economico a colui che la svolge, mentre per “professionalmente” si intende un’attività economica svolta con “abitualità”.
Da un punto di vista pratico l’Imprenditore dovrebbe avere delle caratteristiche personali, cioè delle potenzialità che gli consentono di realizzare un’idea d’impresa. Le doti principali che dovremmo avere sono: autostima e consapevolezza delle proprie capacità, doti di inventiva, saper comunicare facilmente con gli altri, la propensione al rischio, la flessibilità, e la disponibilità del tempo da dedicare all’impresa.

La coerenza uomo/impresa

Solitamente quando si sceglie di iniziare un’attività imprenditoriale si prendono in considerazione solamente dati i economici, finanziari e giuridici inerenti al progetto. Questo in parte è sbagliato, in quanto occorrere tener conto di alcuni elementi più personali, o meglio verificare la coerenza tra le esigenze personali e quelle del progetto d’impresa. Le nostre competenze ed esperienze, gli obiettivi e le motivazioni personali sono degli elementi molto importanti da prendere in considerazione.

ELEMENTI PERSONALI

Gli elementi personali che definiscono la figura dell’imprenditore sono:

1)L’esperienza;
2)Il talento;
3)La conoscenza e le abilità personali;
4)Le motivazioni e le passioni ;
5)Il carisma e la personalità;
6)Lo stile e la creatività;
7)L’entusiasmo.

ESPERIENZE PROFESSIONALI

1)Titolo di studio;
2)Precedenti esperienze lavorative;
3)Hobby e passioni;
4)Impresa di famiglia;

LE MOTIVAZIONI

1)Bisogno di mettersi in gioco;
2)Bisogno di autonomia;
3)Realizzare un’attività con le proprie forze:
4)Essere indipendenti:
5)Mettere in pratica un’idea innovativa:
6)Affermazione sociale:
7)Volontà di cambiamento:

Trovare un’idea d’impresa

Esistono diverse fondi di ispirazione dove è possibile trovare un’idea d’impresa, l’importante è essere consapevoli delle proprie capacità, prima impegnarsi in un progetto imprenditoriale.
1)Prendere spunto da precedenti esperienze professionali: in apparenza è la meno rischiosa, in quanto creare un’impresa sviluppando un mestiere che già si conosce è meno rischioso rispetto ad uno che non lo si conosce. Le professionalità e le competenze tecniche già acquisite sono dei fattori di riuscita;
2)Osservando l’ambiente circostante, sfruttando nuove mode e tendenze: L’idea può nascere studiando le nuove mode dei consumatori, nuove tendenze di mercato, nuovi prodotti già in mercato, ecc:.
3)Creare un nuovo prodotto o servizio: Creare un nuovo prodotto di solito è molto rischioso, in quanto necessità di incendi capitali per la fase di progettazione del nuovo prodotto, per effettuare uno studio di mercato approfondito, e inoltre, occorre attendere le risposte del mercato.
4)Trovare una nuova applicazione ad un prodotto e/o servizio già esistente: Utilizzare un prodotto, una tecnica o un servizio già conosciuti, in un nuovo contesto o in un nuovo mercato, è rischioso in quanto si apporta un’innovazione di applicazione in un mercato dove non si conoscono le reazioni dei consumatori.
5)Collaborare su un’idea in corso di realizzazione; Cercare di realizzare una collaborazione o una associazione con altri imprenditori, in quanto alcuni hanno il “prodotto innovativo” ma sono carenti di mezzi economici per realizzarlo, o di competenze tecniche, o viceversa.

Dove fare Impresa

La localizzazione dell’impresa è la scelta del luogo dove svolgere l’attività, e rappresenta uno degli elementi più importanti per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, e determinante per il successo o meno del progetto imprenditoriale.
Spesso la scelta della localizzazione, per le piccole imprese, è legata ad esigenze personali e/o familiari, e comunque si sceglie il locale di proprietà della famiglia, oppure il posto più vicino alla propria abitazione, il quartiere o il paese dove si vive, oppure la scelta è stata già effettuata dai familiari , in quanto si va a rilevare l’impresa di famiglia.

Invece, per quanto riguarda le Imprese di medio/grande dimensioni, la scelta della localizzazione, rappresenta una vera scelta strategica, e dipende da molti fattori economici, burocratici finanziari e fiscali.

La presenza di infrastrutture: l’estensione della rete autostradale, la rete ferroviaria, i porti marittimi, la rete aeroportuale, la presenza o meno delle infrastrutture digitali;
Le semplificazioni burocratiche e l’ammontare degli oneri amministrativi: costo per avviare un’impresa, numero di procedure e giorni necessari ad ottenere le licenze e le autorizzazioni necessarie, numero di procedure, costi e tempi per ottenere i permessi edilizi, numero di procedure, costi e tempi per acquistare la proprietà immobiliare;
L’accesso al credito: la possibilità di accedere ai finanziamenti a condizioni eque, trasparenti e non vessatorie;
Il Sistema fiscale leggero e regolato da norme semplici, trasparenti, stabili nel tempo, e non vessatorie;

La qualità ed il costo della forza lavoro e regole semplici per l’assunzione di nuovo personale;

La presenza di fonti energetiche ed il costo dell’energia;
La presenza di mercati di approvvigionamento delle materie prime, e soprattutto la presenza dei mercati di sbocco:

La certezza e la rapidità della Giustizia civile e la risoluzione delle controversie commerciali: numero di fasi e tempi necessari per risolvere una controversia commerciale, nonché i costi per arrivare alla decisione finale, rapida nei procedimenti relativi al recupero dei crediti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.